Studentesse: tra le prede preferite dei serial killer

Serial Killer > Wiki > Una delle categorie predilette dagli assassini seriali, spesso vittima della violenza omicida di questi mostri...

Studentesse: tra le prede preferite dei serial killer Le studentesse - lo confermano molti film di genere slasher e non provenienti dall’America - sono prede molto ambite dagli assassini e stupratori seriali, spesso loro coetanei o poco più grandi, anche se non mancano carnefici più adulti.

Vengono scelte perché credute facilmente sopraffabili dal punto di vista fisico, quindi "catturabili" senza troppo sforzo sia dal cosiddetto criminale disorganizzato che cerca la prima vittima abbordabile, sia da quello che si dimostra un abile manipolatore che preferisce conoscere la "sua" preda.

Theodor Robert Bundy preferiva universitarie che gli ricordavano Stephanie Brooks, la bella ex dai lunghi capelli scuri con la scriminatura centrale, che l’aveva lasciato perché non lo considerava del suo stesso status sociale.

John Collins si è assicurato il soprannome di "killer delle studentesse" per averne uccise almeno nove, indifferentemente sparando strangolando o bastonando: non aveva un modus operandi preferito.

Daniel Rolling, noto come lo "squartatore di Gainsville", uccise e seviziò quattro studentesse - tutte brune, minute e socievoli, sembra, come la sua ex moglie - più il compagno di appartamento di una di loro.

Edmund Kemper III si è aggiudicato anche lui il soprannome di "killer delle studentesse": ne uccise 10 molto belle "solo" perché la madre gli ripeteva che una bella ragazza non sarebbe mai uscita con lui?

Gerald Schaefer abbordava le sue giovanissime vittime vestito da poliziotto: grazie all’uniforme, riusciva a tranquillizzare le vittime, disposte così all’inizio a fare ciò che chiedeva.

Daniel Lee Siebert uccise indifferentemente studentesse e cameriere: l’importante è che fossero giovani e abbordabili.

C’è poi il macabro caso del giapponese Issei Sagawa. Nel 1981 studiava letteratura inglese alla Sorbona di Parigi, quando invitò a cena a casa sua la studentessa di cui era ossessionato, Renee’ Hartevelt, con la scusa di ripassare alcune poesie in vista di un esame di fine corso. Dopo averle sparato con un fucile, si cucinò pezzi del suo corpo e se li mangiò. Estradato in Giappone, oggi dispensa a caro prezzo discutibili consigli culinari.


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Studentesse: tra le prede preferite dei serial killer
Articolo scritto da:
Pubblicato il 15/04/2013

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy