Piromania

Serial Killer > Wiki > La mania del fuoco, la tendenza a provocare incendi intenzionalmente

Piromania La Piromania – letteralmente "mania del fuoco" – è la tendenza a provocare incendi intenzionalmente, senza scopo di lucro. Per intenderci, una persona che incendia una sua proprietà con lo scopo di intascare i soldi dell’assicurazione, è solo un truffatore, non un piromane.

Il piromane agisce abitualmente solo e ha un basso livello intellettivo e bassa scolarizzazione. Abusa spesso di alcolici e non prova rimorsi per le sue azioni. Generalmente di sesso maschile di circa 30- 40 anni, non è mosso da ostilità o desiderio di vendetta verso l’eventuale danneggiato: si tratta, come per la cleptomania, di un impulso irrefrenabile.

Il piromane assiste all'incendio che provoca, gode della reazione delle persone e dell’alzarsi delle fiamme stesse. A volte sono i pompieri – o aspiranti tali – ad attizzare il fuoco. Lo fanno per poi dimostrare il loro eroismo, partecipando attivamente allo spegnimento e salvando eventuali vittime.

La passione per le fiamme può scaturire da traumi o da delusioni non superate. Il fuoco è un elemento di distruzione, in grado di ridurre la materia in cenere e fumo. Per questa sua caratteristica, molte culture gli attribuiscono il potere di distruggere il male, anche quello psicologico.

Esistono poi gli Incendiari: sono o soggetti molto giovani che agiscono in gruppo per noia o divertimento e hanno come bersaglio principale le scuole, o persone che agiscono per vendetta (accanendosi per esempio sull’ex posto di lavoro) o per un vantaggio economico (roghi dolosi estivi nelle aree boschive). In loro manca "l’impulso irrefrenabile": possono smettere quando vogliono o non si divertono più.

Insieme al torturare gli animali e l'enuresi notturna, la piromania completa la Triade di MacDonald, ovvero i comportamenti tipici che molti serial killer mostrano nella loro infanzia. Nell'età adulta tende a scomparire o entra a far parte integrante del modus operandi dell’assassino, quando non è un espediente per sbarazzarsi del corpo della vittima.

In caso di omicidio, se l’incendio è “necessario e insostituibile” affinché il soggetto si senta appagato dal suo crimine, ci troviamo di fronte a un serial killer piromane. La differenza principale con il serial killer “classico” è che l’assassino piromane seriale non ha bisogno di un contatto diretto con le vittime, ma del fuoco stesso. Spesso può arrivare a compiere dei veri e propri omicidi seriali di massa.

Tra i serial killer piromani ricordiamo Robert Dale Segee: tra il 1948 e il 1950 prima assassinò quattro bambini, bruciandoli, poi appiccò un incendio al tendone di un circo, uccidendo in un solo evento ben 169 persone.


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Piromania
Articolo scritto da:
Pubblicato il 17/06/2009

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy